Imbrago con spezzone di corda
26.03.2013

I disegni che riporto in questa pagina mostrano come realizzare un imbrago (o imbraco) improvvisato d'emergenza, qualora non si avesse a disposizione un sistema di assicurazione omologato.
Mi preme evidenziare che l'uso improprio o erroneo di tecniche e attrezzature potrebbe provocare ferite gravi, infermità permanente o morte nel peggiore dei casi, pertanto ogni conseguenza di azioni intraprese in modo autonomo da parte del lettore non sarà imputabile allo scrivente.
Il contenuto di questa pagina è fruibile anche in video su YouTUBE:



Ciò che serve per questo imbrago sono 5-7 metri di corda da roccia (da 9 a 12 mm) in perfette condizioni. La reale lunghezza può variare in base alla stazza di chi lo indossa.
Verifica che non vi siano tagli o abrasioni che potrebbero comprometterne l'integrità.
Crea un doppino, con un capocorda più lungo di 50 centimetri che identifico come CORRENTE C. La sua controparte sarà qui indicata come DORMIENTE D.
Tieni tra i denti il gomito del doppino, fai passare all'interno delle cosce i due capicorda riportali davanti, infilandoli nel doppino dall'interno verso l'esterno, come mostrato nella sottostante figura.

Ora incrocia dietro la schiena sia il dormiente, sia il corrente. Attorciglia due volte il corrente sul dormiente venendo a creare la fascia lombare dell'imbrago (poco comoda, ma efficace).
Lascia libero il corrente sul fianco e prendi in mano il dormiente.
Portalo sulla vita e attrociglialo due volte sul gomito del doppino. Con questa manovra rinforzi quello che sarà il punto d'aggangio di corda e moschettone al tuo imbrago improvvisato. La figura di sinistra mostra la realizzazione della fascia lombare, quella di destra del punto di aggancio per corde e moschettoni.

Adesso che fascia lombare e aggangio frontale sono conclusi, bisogna procedere con l'intrugliatura che assicura tra loro corrente e dormiente in modo che l'imbrago non si sciolga durante l'uso.
Si attorcigliano tra loro corrente e dormiente, come se si volesse realizzare un nodo semplice, quindi si annodano gli estremi di dormiente e corrente al tratto di corda che cinge il fianco.

Con questa intrugliatura, l'imbrago è pronto all'uso.
Se dovesse avanzare della corda, è possibile intrugliare gli estremi realizzando un doppio nodo delle guide con frizione.
Bisogna tenere a mente che le corde stringono parecchio e dopo una decina di minuti in sospensione si possono accusare seri problemi di circolazione agli arti inferiori. Questo tipo d'imbrago deve essere utilizzato con prudenza, solo in caso di emergenza qualora non fosse disponibile attrezzatura omologata e comunque solo per periodi limitati di tempo, effettuando pause di dieci minuti ogni cinque o dieci di utilizzo in trazione.


000webhost logo