Kefir d'acqua
08.02.2012

Il kefir si presenta sotto forma di granuli gelatinosi traslucidi, composti da un polisaccaride detto kefiran. La gelatina è il prodotto dei lieviti che, assieme a numerosi ceppi batterici, trovano riparo tra le catene di zuccheri che ne compongono la struttura.
Il kefir in granuli non si trova facilmente in commercio, in genere si tramanda da persona a persona; poiché con il tempo le colonie si moltiplicano, o si buttano nel bidone dell'umido, oppure si donano a chi ne fa richiesta.
I fermenti si possono acquistare liofilizzati ma sono monouso, una volta prodotta la bevanda, si deve utilizzare un'altra dose di polvere.
Il kefir d'acqua è una bevanda rinfrescante, lievemente frizzante e blandamente alcolica a causa del processo fermentativo cui va incontro lo zucchero che alimenta lieviti e batteri. Il prodotto della fermentazione sono alcoli e anidride carbonica, responsabile delle bollicine.

Come si prepara

Sciogliere lo zucchero nell'acqua, precedentemente versata nel barattolo. Aggiungere i granuli di kefir, il mezzo limone ed il frutto secco (che andrà a fondo).
Lasciare riposare con il coperchio avvitato (per evitare polveri o insetti) per 24 ore ad almeno 20 °C. Dopo questo tempo dovrebbe essersi avviata la fermentazione; il frutto secco dovrebbe essere risalito in superficie ed il limone contornato da bollicine.

Filtrare il liquido e berlo entro due giorni, conservandolo in frigorifero, dentro una bottiglia con tappo a tenuta.
Il kefir delle 24 ore potrebbe risultare leggermente lassativo e quindi idoneo per chi avesse problemi di regolarità intestinale.
Se lo si lascia fermentare per 36/48 ore si otterrà una bevanda leggermente più acidula e poco più alcolica, priva d'effetti lassativi.
Riciclare nell'umido limone e frutto, lavare i granuli di kefir utilizzando un rivolo d'acqua ed un colino, quindi preparare altra bevanda.

È possibile sperimentare diversi sapori, inserendo foglie di menta o altre piante aromatiche che incontrino i propri gusti.


www.000webhost.com